L'acqua è il nostro bene più prezioso. È fonte di vita per tutti gli esseri viventi e in quanto tale va protetta. La utilizziamo ogni giorno per dissetarci o per cucinare e per garantire la nostra salute e quella di chi ci circonda è necessario che ci soddisfi da punto di vista nutrizionale e che ci appaghi al gusto.

L'acqua che scorre dai nostri rubinetti deve essere potabile per legge. Questo significa che deve rispettare dei requisiti minimi precisi e definiti superando numerosi controlli che aumentano in base al volume di acqua distribuito ogni giorno. Ad esempio, un acquedotto che eroga ogni giorno tra i 100 e 1000 m³ di acqua e che serve circa 5000 abitanti, subisce 5 controlli all'anno. Per le acque minerali, invece, è prevista un'analisi annua (Decreto 29 dicembre 2003, art. 3).

La qualità dell'acqua in Italia, quindi, è ottima ma è garantita nei parametri di legge in tutte le città fino al contatore. Per assicurarsi che i parametri vengano rispettati fino al punto d'uso, basta rivolgersi ad aziende specializzate e competenti per effettuare, in caso di necessità, i trattamenti più adatti. Altrettanto importante è svolgere periodicamente una corretta manutenzione, affidandosi sempre e solo a personale qualificato.

La maggior parte degli acquedotti pubblicano regolarmente gli esiti delle analisi effettuate e molto spesso vengono anche allegati alle bollette. In questa pagina potete trovare l'elenco dei parametri microbiologici, chimici e indicatori fissati per legge.